Archivio storico de "La Ronda" (1918-1925)

Archivio storico de "La Ronda"
(1918-1925)

rivista letteraria "La Ronda" Il primo numero della rivista letteraria "La Ronda" venne pubblicato a Roma nell'aprile del 1919. Il comitato di redazione era composto da Riccardo Bacchelli, Antonio Baldini, Bruno Barilli, Vincenzo Cardarelli, Emilio Cecchi, Lorenzo Montano, Aurelio E. Saffi, che era anche segretario di redazione. Dal maggio 1920 Vincenzo Cardarelli e Aurelio E. Saffi compaiono come direttori della rivista che uscirà regolarmente a cadenza mensile fino al novembre 1922. Un numero straordinario venne poi pubblicato nel dicembre 1923.

Inizialmente direzione e amministrazione ebbero sede a Roma in Piazza Venezia 88, ma nel dicembre 1919 l'amministrazione della rivista passò alla Società editrice "La Voce" Trinità dei Monti, 18. Nel 1921, la Ronda assunse direttamente la propria gestione amministrativa: gestione e amministrazione passarono entrambe in Trinità dei Monti. Dal settembre 1922 la sede unica della Rivista diventò quella di Palazzo Taverna, presso l'Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d'Italia. Il materiale è costituito da Manoscritti e semilavorati di stampa e corrispondenza relativa alla pubblicazione della rivista.

ANIMI

Sostienici con il tuo 5x1000

Sostieni l'ANIMI con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul meridionalismo connessi all'integrazione del Mezzogiorno d'Italia nel contesto politico, economico e culturale.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 80113270583
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000