Archivio Storico per la Calabria e la Lucania

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia

1910-2010 centenario ANIMI

Le Pubblicazioni
I Periodici

I Periodici Archivio Storico per la Calabria e la Lucania

La rivista, fondata nel 1931 da Paolo Orsi e Umberto Zanotti Bianco, con lo scopo di offrire alle due regioni meridionali un organo di alta cultura, ha un ambito scientifico pluridisciplinare. Abbraccia, infatti, tutta la storia politica, civile, culturale e sociale.

I contributi vanno dall'archeologia alla storia letteraria e dell'arte, dalla storia della filosofia a quella della società e del costume, dalla storia politica alla numismatica, alla epigrafia. Pur relativa, in particolare, alla storia della Calabria e Lucania, la rivista conserva quell'ampio raggio di interessi che le fu dato da Umberto Zanotti Bianco, il quale inseriva la questione meridionale nel più largo ambito della questione delle minoranze conculcate e che ne fu il direttore dal 1946 al 1963. Succesivamente è stata diretta da Giuseppe Isnardi (1963-1965), Ernesto Pontieri (1965-1979), Ruggero Moscati (1987), Gaetano Cingari (1988-1992), Margherita Isnardi Parente (1992-2005) e, attualmente, da Vera von Falkenhausen. Esce in un volume all'inizio di ogni anno solare.

Ultimo volume pubblicato: LXXXIII (2017) PDF indice
Numeri arretrati: sono disponibili i numeri dal XXXVI (1968) al LXXVIII (2012), con l'esclusione del LXVII (2000); LXVIII (2001) e LXXIX (2013); LXXX (2014); LAXXXI (2015) e LXXXII (2016).
Il prezzo di ciascun numero è di € 50,00 (per l'Italia) e di € 65,00 (per l'Estero).

Gli acquisti e gli abbonamenti possono essere effettuati mediante ordine all'Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno o via fax al numero: (+39) 06.68.13.61.42, o per e-mail: segreteria@animi.it

ANIMI

Sostienici con il tuo 5x1000

Sostieni l'ANIMI con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul meridionalismo connessi all'integrazione del Mezzogiorno d'Italia nel contesto politico, economico e culturale.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 80113270583
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000