di Gerardo Bianco, «Appello ai liberi e forti» cent’anni dopo. Sturzo, i cattolici e la questione meridionale

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia

Approfondimenti ANIMI

Ricerche, Riflessioni e Notizie
Eventi e Iniziative
Centenario Leopoldo Franchetti

di Gerardo Bianco, «Appello ai liberi e forti» cent’anni dopo. Sturzo, i cattolici e la questione meridionale

«Appello ai liberi e forti» cent’anni dopo. Sturzo, i cattolici e la questione meridionale

«Appello ai liberi e forti» cent’anni dopo. Sturzo, i cattolici e la questione meridionale

Riassunto · Il sacerdote siciliano Luigi Sturzo con il suo impegno ultradecennale riportò i cattolici nella vita politica nazionale e fece della Questione meridionale uno dei suoi campi di battaglia. Con l’Appello ai liberi e forti (1919), che, malgrado i suoi cento anni, conserva una significativa vitalità ideale, sollecitò le energie nuove del Mezzogiorno alla militanza civile e all’impegno politico su solide basi programmatiche e morali. Il movimento cattolico confluito nel Partito popolare italiano, grazie alla riflessione sturziana, si qualificò nella vita politica del paese per autonomia e libertà di pensiero sia dagli indirizzi clericali che dai modelli conservatori.

Abstract · « Appello ai liberi e forti » one hundred years later. Sturzo, Catholics and the Southern Question · The Sicilian Priest Luigi Sturzo, with his over ten years commitment, brought Catholics again to national political life and made of the Southern Question one of his battlefields. With his Appello ai liberi e forti (1919) – that, despite its hundred years, maintains a significant ideal vitality – incited new energies of the Southern Italy to civil militancy and to political commitment lying on solid programmatic and moral bases. The Catholic movement, that merged into Italian Popular Party, thanks to Sturzo’s reflection characterized itself in the political life of the Country for autonomy and freedom of thought both from clerical trends and conservative models.

PER L’ARTICOLO COMPLETO VAI ALL’ALLEGATO

ALLEGATI
«Appello ai liberi e forti» cent’anni dopo. Sturzo, i cattolici e la questione meridionale

   

Sostienici con il tuo 5x1000

Sostieni l'ANIMI con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida agli enti di ricerca e promozione culturale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul meridionalismo connessi all'integrazione del Mezzogiorno d'Italia nel contesto politico, economico e culturale.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "FINANZIAMENTO DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELL’UNIVERSITÀ"
• Indica il codice fiscale della fondazione: 80113270583
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il suo 5x1000.