La riflessione sulla mafia a più di un secolo dall’inchiesta sulla Sicilia di Leopoldo Franchetti

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia

1910-2010 centenario ANIMI

Approfondimenti ANIMI

Ricerche, Riflessioni e Notizie
Eventi e Iniziative
Centenario Leopoldo Franchetti

La riflessione sulla mafia a più di un secolo dall’inchiesta sulla Sicilia di Leopoldo Franchetti

Promosso da Comitato Nazionale per il Centenario della morte di Leopoldo Franchetti e Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia - ANIMI.

Apertura dei lavori Gerardo Bianco (presidente del Comitato Nazionale) e Antonello Falomi (presidente dell’Associazione Ex Parlamentari).

Presiede Guido Pescosolido (Università “Sapienza”, Roma).

Relazioni di Luigi Compagna (LUISS, Roma), Giampaolo D’Andrea (Università della Basilicata), Giustina Manica (Università di Firenze), Luciano Violante (presidente emerito Camera dei Deputati, presidente italiadecide).

Intervengono: Giuseppe Pignatone (procuratore capo Tribunale di Roma), Franco Roberti (procuratore nazionale emerito, DIA), Giovanni Verde (vicepresidente emerito CSM), Luciano Violante (presidente emerito Camera dei Deputati, presidente italiadecide).

Guarda e ascolta gli interventi

© radioradicale.it

ANIMI

Sostienici con il tuo 5x1000

Sostieni l'ANIMI con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul meridionalismo connessi all'integrazione del Mezzogiorno d'Italia nel contesto politico, economico e culturale.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 80113270583
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000