Convegno: ’’Giovanni Amendola. Una vita in difesa della libertà, 24 e 25 novembre 2016. Roma, Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, ore 11.00. Apertura dei lavori alla presenza del Presidente della Repubblica

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia

1910-2010 centenario ANIMI

Approfondimenti ANIMI

Ricerche, Riflessioni e Notizie
Eventi e Iniziative
Centenario Leopoldo Franchetti

Convegno: ’’Giovanni Amendola. Una vita in difesa della libertà, 24 e 25 novembre 2016. Roma, Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, ore 11.00. Apertura dei lavori alla presenza del Presidente della Repubblica

Convegno: ’’Giovanni Amendola. Una vita in difesa della libertà, 24 e 25 novembre 2016. Camera dei Deputati Sala Aldo Moro.

Convegno AmendolaA novant’anni dalla morte la figura del capo dell’opposizione
costituzionale al fascismo raccoltasi nell’Aventino può servire a riaprire
il dibattito sui complessi risvolti delle moderne società democratiche.
Pochi furono coloro che inizialmente compresero quale
fosse la vera natura del fascismo. Amendola ebbe chiari, anzitempo,
i sostanziali mutamenti dei termini della lotta politica che si
stava combattendo nel paese. L’essersi levato a difensore dei diritti
di libertà pubbliche e private violate dal fascismo conferisce al suo
ruolo una leadership riconosciutagli unanimemente dai suoi alleati
democratici. Egli percepì, a differenza della vecchia classe dirigente,
di trovarsi di fronte ad una svolta della società contemporanea:
l’avvento di quella società di massa uscita dalla guerra che
avrebbe condotto allo Stato totalitario.

_____________________________________________________________
E’ necessario accreditarsi presso il n. telefonico dell’ANIMI allo 0668136846 o all’indirizzo: assmezz@tin.it.

Il 24 novembre l’ingresso in sala sarà consentito entro le ore 10.30

ANIMI

Sostienici con il tuo 5x1000

Sostieni l'ANIMI con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida alle organizzazione di promozione sociale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul meridionalismo connessi all'integrazione del Mezzogiorno d'Italia nel contesto politico, economico e culturale.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale..."
• Indica il codice fiscale della fondazione: 80113270583
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000