Codice di Etica per i professionisti nel campo dei Beni Culturali

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia

Comitato Direttivo
La Storia
Atti e memorie
Progetto Appia antica
Approfondimenti

Approfondimenti SMG

Rubrica a cura di Fabrizio Vistoli

Codice di Etica per i professionisti nel campo dei Beni Culturali

Il Codice di Etica per i ricercatori, presentato durante il convegno Beni culturali e conflitti armati. Le sfide e i progetti tra guerra, terrorismo, genocidi, criminalità organizzata, tenutosi a Roma, presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche, il 15 novembre 2013, è stato pubblicato nel volume: Leggo! Studies presented to Frederick Mario Fales on the occasion of his 65th birthday (Leipzig Altorientalistische Studien, 2), a cura di G.B. Lanfranchi, D. Morandi Bonacossi, C. Pappi e S. Ponchia, Wiesbaden, Harrassowitz 2012, all’interno del contribuito «Temi e problematiche di attuale discussione sui beni artistici ed epigrafici provenienti da zone in conflitto» (pp. 99-129), a firma di Silvia Chiodi e Giovanni Pettinato. Il Comitato direttivo della Società Magna Grecia ritiene essenziale l’adozione di un Codice etico da parte dei ricercatori e dei docenti universitari al fine di contrastare, per quanto possibile, il mercato illecito dei beni culturali, ormai strettamente legato alla grande criminalità organizzata e, al contempo, di sensibilizzare il mondo della Ricerca su tale tema, anche al fine di evitare che esso diventi, involontariamente, “strumento” delle multiformi organizzazioni criminose.

ALLEGATI
Codice di Etica per i professionisti nel campo dei Beni Culturali

   

Sostienici con il tuo 5x1000

Sostieni l'ANIMI con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta che lo Stato affida agli enti di ricerca e promozione culturale - ma aiuterai noi a finanziare progetti tesi a favorire gli studi sul meridionalismo connessi all'integrazione del Mezzogiorno d'Italia nel contesto politico, economico e culturale.

Come fare? È davvero semplice...

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico
• Firma nel riquadro "FINANZIAMENTO DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELL’UNIVERSITÀ"
• Indica il codice fiscale della fondazione: 80113270583
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il suo 5x1000.