Contatti | Crediti | Link | Home
ANIMI Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia
"Mezzogiorno d'Italia"
la Storia, la Cultura, la Società, i Personaggi
1910 -
     

Storia dell'Associazione
 
"Società Magna Grecia"
 
La Biblioteca Giustino Fortunato
 
Gli archivi
 
Le Pubblicazioni
 
Archivio Storico per la Calabria e la Lucania
 
A.N.I.M.I. e il Mezzogiorno un secolo di Storia e di Immagini
 

Elementi di Economia Politica

Pubblicazioni | Collezione di Studi Meridionali

LUCA DE SAMUELE CAGNAZZI
Elementi di Economia Politica
a cura di Eugenia Parise, Lacaita, Manduria, 2003

Pubblicati nel 1813, gli Elementi di Economia Politica di Luca de Samuele Cagnazzi costituiscono la prima opera di economia politica con intento divulgativo. Sotto questo aspetto, essa può, senz'altro, essere considerata il primo manuale pubblicato nel regno, a cui va il merito di aver inaugurato una nuova stagione di studi economici che culminerà negli anni di Ferdinando II.
Tuttavia, nelle intenzioni dell'autore, gli Elementi facevano parte di un più ampio progetto avviato alcuni anni prima con gli Elementi dell'Arte Statistica (1808-9), nei quali Cagnazzi, osservando analiticamente la realtà economico-sociale del regno, ne aveva delineato un quadro diagnostico. Si trattava, ora, con gli Elementi di Economia Politica, di approdare, organicamente e coerentemente con la precedente diagnosi, ad un programma di crescita economica, sociale e culturale del Mezzogiorno.
Pur dialogando costantemente e criticamente con i più importanti economisti europei, le cui teorie costituivano ormai il corpus teorico del suo tempo (Quesnay, Smith, Say, Sismondi, Canard), Cagnazzi non perde mai di vista l'obiettivo di formulare ipotesi in grado di avviare un processo di accumulazione in una economia ancora prevalentemente di sussistenza come quella meridionale. La soluzione proposta nel "manuale", in un orizzonte culturale che è quello della grande tradizione settecentesca europea e meridionale, è etica ed economica al tempo stesso: essa va cercata in un processo di rigenerazione civile della classe agricola, attraverso il quale quest'ultima si costruisca, socialmente, culturalmente e moralmente, come alternativa alla grande proprietà assenteista.
La ripubblicazione di quest'opera, a distanza di quasi due secoli dal lontano 1813, permetterà sicuramente, agli studiosi contemporanei una più articolata conoscenza della complessa e ricca tradizione del pensiero meridionale.

Copyright © 2000, ANIMI Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia • All rights reserved.