Contatti | Crediti | Link | Home
ANIMI Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia
"Mezzogiorno d'Italia"
la Storia, la Cultura, la Società, i Personaggi
1910 -
     

Storia dell'Associazione
 
"Società Magna Grecia"
 
La Biblioteca Giustino Fortunato
 
Gli archivi
 
Le Pubblicazioni
 
Archivio Storico per la Calabria e la Lucania
 
A.N.I.M.I. e il Mezzogiorno un secolo di Storia e di Immagini
 

Francesco Compagna meridionalista europeo

Pubblicazioni | Collezione di Studi Meridionali

Francesco Compagna meridionalista europeo
a cura di Guido Pescosolido, Lacaita, Manduria, 2003

Francesco Compagna, a vent’anni dalla sua scomparsa, si presenta con sempre maggiore evidenza come figura di primo piano della vita intellettuale, politica e sociale dell’Italia del dopoguerra e come uno degli esponenti in assoluto più importanti dell’intera storia del meridionalismo e della questione meridionale. Nella sua opera di studioso, giornalista, uomo politico e di governo, seppe raccogliere l’eredità delle due grandi linee di pensiero che, da De Sanctis e Cattaneo, conducevano, rispettivamente, a Croce e Salvemini. Da esse trasse l’orientamento di fondo, ideale e pratico, nella sua battaglia per i valori politici e morali della civiltà liberale e per l’analisi e la ricerca di soluzioni alla complessa problematica meridionale, grande nodo irrisolto della storia politica ed etico-civile dell’Italia unita.
Fu tra gli ultimi, autentici eredi di quella tradizione dell’illuminismo e del liberalismo meridionale, che era l’unica, secondo Croce, della quale il Mezzogiorno potesse “trarre intero vanto” e fu guida di primo piano per quanti nel dopoguerra, nonostante l’infuriare di processi e revisionismi di ogni genere della storia nazionale unitaria, continuarono con fermezza a riaffermare e difendere l’immenso contenuto di progresso etico e civile della tradizione risorgimentale.
Il suo meridionalismo, riformista e liberale, strettamente collegato al pensiero e all’azione politica di Ugo La Malfa, rimase sempre un riferimento fondamentale per quanti, contro lo scarfoglismo, il laurismo, i rigurgiti borbonici, i processi al Risorgimento di matrice gramsciana, i miti della civiltà contadina, le tentazioni mediterranee e antieuropee, che attraversarono in vario modo e a più riprese la vita del Mezzogiorno e dell’Italia dagli anni Cinquanta in poi, continuarono a credere che il riscatto del Sud potesse avvenire solo nella cornice dello stato unitario e del suo pieno inserimento nell’alveo della civiltà moderna, democratica, europea.

Copyright © 2000, ANIMI Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d'Italia • All rights reserved.